4 ottobre 2009

fuori piove in orizzontale.


quando mi sposto piove sempre. quando sono arrivato in danimarca pioveva, quando sono andato a billund pioveva, quando ho preso l’aereo per la parentesi italiana pioveva, e pure oggi, quando sono tornato ad aarhus, pioveva. ma tanto. pioveva in orizzontale, sembrava di stare in mezzo ai caraibi quando hai sbagliato stagione.
allora ho aspettato alla stazione che mi venissero a prendere per andare a mangiare qualcosa e poi andare a casa e mentre pioveva da destra ci siamo fermati da un kebabbaro che fa pure la pizza e io mi sono preso la pizza che per essere fatta da un kebabbaro nella terra dei biondi non era neanche troppo male. siamo stati lì un sacco di tempo, quello che serviva per asciugarsi e un pò di più per godersi l’essere asciutti e dopo tutto quel tempo che stavamo lì a parlare arriva il momento che te ne vuoi andare. e quel momento coincide col momento in cui il kebabbaro sta per uscire a fare una consegna a domicilio. e allora tanto per parlare gli chiediamo se ci dà un passaggio e lui dice sì. allora usciamo e la macchina era proprio di fronte. naturalmente questa volta pioveva da sinistra e tra la porta e la macchina facciamo giusto in tempo a bagnarci tutto quello che non ci eravamo bagnati prima. la macchina è una station wagon piena di sacchi di patate. quintali di patate. e solo una volta a casa, perchè sennò glielo chiedevo, mi è venuto in mente che quello c’aveva comunque un fast food. lercio ed economico quanto un kebabbaro dev’essere. ma che ci fai con tutte quelle patate? dove sono le buste di patate surgelate? chi le pela mille patate? le devi tirare appresso a qualcuno?
poi arriviamo a casa che è una casa estiva. che probabilmente non vuol dire niente, soprattutto perchè è lontana dalla spiaggia. tutto quello che posso dire è che qui una casa estiva è una casa leggera, piccolina, una villetta col giardino. che sarebbe pure carina se non fosse che quando non è estate le case estive vengono trasformate in magazzini. ad ogni modo è molto economica, non ci piove dentro, c’è una stufa e si sta in compagnia. c’è anche la tv. e quando fuori piove in orizzontale e sei appena arrivato e c’hai tutte le scuse per essere stanco e le sfrutti tutte e c’è la tv con un divano davanti allora ti metti seduto e guardi la tv. davano ghost.

3 commenti :

Annamaria ha detto...

è questa la casetta delle vacanze?? ma a me sembra che ci sia il sole...

boccaccino ha detto...

è la casa di fianco alla nostra, comunque lo stile è quello. ti sembra bene: nella foto c'è il sole, l'ho scattata la mattina dopo. e già è tanto che ho messo una foto vagamente attinente al testo... certe volte mi vado a ripescare foto incomprensibili... forse dovrei essere più disciplinato.
comunque, annamarì, non nevica.

miriam ha detto...

ma ghost lo davano in danese?